La notte di Halloween, l’inizio dell’inverno e la venuta dello spirito della morte Samhain, secondo la tradizione celtica, si avvicina. Una festa anglosassone, ripresa negli Stati Uniti, che si sta diffondendo in tutta Europa. I bambini si travestono da fantasmi, goblin o zombie e bussano casa per casa chiedendo dolci al motto “dolcetto o scherzetto”. I club organizzano feste in maschera e i luoghi più infestati vengono presi d’assalto nella speranza di vedere, almeno la notte del 31 ottobre, uno spirito e, magari, poterlo fotografare. I posti più spaventosi sono spesso legati a leggende violente, assassini e suicidi sanguinari, storie strazianti o sono luoghi abbandonati e bui che cadono a pezzi e producono rumori sinistri. Abbiamo raccolto per voi le 10 destinazioni più paurose d’Europa per passare una notte di Halloween da brivido.

Castello di Bran e Foresta Hoia Baciu (Romania)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Castello di Bran

Il Castello di Bran in Romania, quello di Dracula. Flickr: Kyle Taylor

In Romania ha luogo una delle storie dell’orrore più famose – Dracula. Sulla base del racconto originale di Bram Stoker la residenza del conte Dracula viene identificata con il Castello di Bran. Completato nel 1388, il castello costituiva un punto importante per il commercio e il passaggio doganale. In seguito è diventato la residenza della famiglia reale rumena, quando la Transilvania è stata annessa alla più grande Romania negli anni Venti, prima del periodo comunista. Non bisogna confonderlo con quello di Vlad III l’imperatore, che non è il conte Dracula di Bram Stoker, anche se hanno un nome simile, sono entrambi spaventosi e, apparentemente, Vlad ha trascorso del tempo in questo castello.

In Romania c’è ance la Foresta Hoia Baciu, famosa per essere la foresta più infestata del mondo. Si trova nella periferia di Cluj-Napoca (la seconda città rumena più grande) e il suo nome deriva dai pastori che qui sono scomparsi con un gregge di più di 200 capi. La foresta è piena di alberi e arbusti aggrovigliati tra di loro e dall’apparenza innaturale. Ci sono stati molti avvistamenti UFO e fotografie attestanti fenomeni paranormali. L’epicentro di tutti i fenomeni insipegabili è identificato in una radura che si trova da qualche parte nella foresta, qui è tracciato un cerchio perfetto dove non crescono senza un motivo comprensibile piante o erba. Camminare la notte alla ricerca della radura è spaventoso e non si può fare affidamento al proprio sistema GPS perché sembra che gli strumenti elettronici smettano di funzionare una volta inoltratisi nella foresta.

Halloween in Romania non è una festa tradizionale, anche se vengono organizzate delle feste nelle principali città da quando, negli ultimi anni, questa notte è diventata popolare in tutta Europa. Tradizionalmente viene celebrata la figura di Dracula la notte di San Andrea più avanti nel mese di novembre.

  • Eventi speciali: Il party di Halloween nel castello di Bran con musica, degustazione di vino e classici film horror.
  • Quanto fa paura: Castello: 4/10. Foresta: 10/10.
  • Come arrivare: È possibile raggiungere Bran in auto o in autobus, partendo da una grande città. Si trova a meno di 200 chilometri da Bucarest. Invece la foresta è posta alla periferia di Cluj-Napoca, che non ha un aeroporto. Ed è a 6 ore di macchina dal più vicino aeroporto di Bucarest. È necessario utilizzare un’auto per raggiungere la foresta e poi bisogna muoversi a piedi e arrampicarsi per alcuni tratti per trovare, nel centro della foresta, la radura a forma di cerchio, dove è stata segnalata una potentissima attività paranormale.
  • Ingresso: Il costo d’entrata al Castello è di circa 7-11€, il party al castello ha il prezzo di circa 33€.  La foresta è gratis, ma andate lì a vostro rischio e pericolo.
  • Cosa portare: Al castello di Bran: un vestito di classe e una copia di Dracula di Bram Stoker per rivivere la storia. Nella foresta: una mappa (nel caso in cui non ci sia copertura GPS sul proprio smartphone), una torcia elettrica e una macchina fotografica.

Villaggio di Pluckley – Kent (Regno Unito)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Pluckley

Pluckley, il villaggio più infestato del Regno Unito. Scorgete dei fantasmi in questa immagine? Flickr: Stephen Nunney

Considerato da molti il villaggio più infestato del Regno Unito e menzionato per questa categoria nel libro dei Guinnes World Record nel 1989, Pluckley si trova nel sud est del paese, vicino ad Ashford, nella contea di Kent. Sono, forse, una quindicina le leggende di fantasmi che si raccontano e che hanno avuto origine in questo villaggio.

Una donna morta bruciata viva per essersi addormentata con una pipa accesa in mano che appare nella nebbia nei pressi di Pinnock Bridge, una carrozza fantasma trainata da un cavallo che si palesa tra le strade del villaggio, lo spettro di un bandito ucciso e fissato a un albero con una spada, un bosco urlante le cui grida fanno raggelare il sangue, le urla del fantasma di un uomo morto in una fabbrica di mattoni. Gli spettri della donna in rosso (Red Lady) e la donna in bianco (White Lady) che infestano rispettivamente il cimitero e la chiesa, e la cui leggenda risale al 1100.

Se siete intrigati dalle storie di fantasmi, dall’idea di andare a caccia di spettri e volete trascorrere Halloween in questo villaggio potete prenotare una camera nalla fattoria Elvey Farm, costruita nel 1400, dove vagano senza pace il fantasma di un fattore che si è suicidato nel 18° secolo e un potenziale poltergeist.

  • Eventi speciali: Potete andare a caccia di fantasmi.
  • Quanto fa paura: 5/10
  • Come si raggiunge: Il villaggio è facilmente raggiungibile sia in auto che in treno. La stazione d’arrivo si trova a circa 2 km dal centro cittadino, bisogna percorrere una paurosa passeggiata tra i sentieri del paese per arrivare.
  • Ingresso: I visitatori sono ben visti, B&B e pub locali organizzano tour alla ricerca di fantasmi e accettano prenotazioni per questo periodo dell’anno.
  • Cosa portare:  Una fotocamera per immortalare i propri giorni in questo pittoresco villaggio e forse riuscire a cogliere uno spettro in uno scatto, oltre a una torcia per attraversare di notte il bosco urlante.

Beelitz-Heilstätten – Beelitz (Germania)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Beelitz-Heilstätten

Una stanza del complesso di Beeliz-Heilstätten che mette i brividi – Flickr: Thomas Geersing

A circa 70 km da Berlino in direzione sud-ovest si trova il complesso abbandonato di Beeliz-Heilstätten. Sanatorio per pazienti con malattie a lunga degenza (ad esempio la tubercolosi) tra il 1898 e il 1930, adibito a ospedale militare  durante la Seconda Guerra Mondiale e fino al 1994 stato un ospedale militare sovietico. Sono diversi gli episodi di attività paranormali riportati, in particolare nella vecchia sala operatoria. Le testimonianze parlano di improvvisi cali di temperatura, pianti nel buio, sussurri e grida, rumore di passi nelle stanze vuote e strani rumori.

Adesso il luogo è abbandonato, lo stabile in completa decadenza emana un’aurea nera e depressiva a causa dei fatti crudeli che si sono consumati qui. Delitti efferati come quelli compiuti da un serial killer che nel 1898 ha ucciso sei persone o lo scienziato che più recentemente, nel 2008, ha assassinato una ragazza ventenne nella portineria. Alcuni dei 60 edifici che costituiscono il complesso sono stati ristrutturati e ospitano ristoranti, appartamenti, e stanze per gli ospiti … se decideste di passare qui la notte.

  • Eventi speciali: Ci sono parti segreti la notte di Halloween nella vecchia sala operatoria e il giorno di Valpurga (Walpurgisnacht), la festa di primavera del 30 aprile quando tradizionalmente si bruciavano le streghe. Ma potete anche celebrare Halloween a Berlino.
  • Quanto fa paura: 8/10
  • Come arrivare: Si raggiunge in treno (RE7 ) da Berlino. Il tempo di percorrenza è circa di 40 minuti e  la stazione d’arrivo è Beelitz-Heilstätten.
  • Ingresso: A disposizione dei visitatori una serie di tour guidati della durata di circa 2 ore al costo di 5€ l’uno. C’è anche un tour dedicato esclusivamente alla fotografia. Purtroppo non è possibile visitare da soli il complesso, ci sono troppi rischi di crollo.
  • Cosa portare: una macchina fotografia e tanto coraggio.

Quinta das Lágrimas – Coimbra (Portogallo)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Quinta das Lágrimas

Quinta das Lágrimas che fa da cornice alla tragica storia di Pedro e Ines de Castro – Flickr: Carlos Luis M C da Cruz

Ora trasformato in un hotel, è qui a Quinta das Lágrimas, che la vicenda romantica e straziante dell’amore reale proibito tra il principe Pedro e la Ines de Castro ha avuto luogo, nel 14° secolo.

Allontanata dal suo amato con cui non gli era concesso stare, Ines pianse le sue ultime copiose lacrime prima di morire trafitta da numerose pugnalate dei sicari inviati da re Re Alfonso, padre di Pedro. Il suo sangue macchia ancora il letto di pietra della fontana che è nata dalle sue lacrime e il nome di questo luogo romantico è un tributo a questa storia. Pedro, diventato re del Portogallo nel 1357, dichiarò di aver sposato in segreto Ines, legittima regina del Portogallo. Secondo la leggenda costrinse la corte a riesumare il corpo della sua amata e a baciarle la mano e giurare fedeltà alla loro regina in decomposizione. Pedro cercò e giustiziò i sicari nel 1361, li giustiziò pubblicamente strappando loro il cuore, perché per loro era del tutto inutile visto che avevano frantumato il suo, uccidendo la bella Ines.

L’hotel rievoca questa straziante storia, visitando la fontana non si può che provare una stretta al cuore e pensare a questi sfortunati innamorati.

  • Eventi speciali: In alcuni club e pub si organizzano delle serate a tema. Ma in Portogallo Halloween non è una festa tradizionale, si celebra invece il 1° novembre il “Dia dos Finados” (Il Giorno dei Morti). In alcuni piccoli borghi nel centro del Portogallo si svolgono processioni funebri in cui gli uomini si vestono di nero e le famiglie marciano fino al cimitero per onorare i loro amati defunti. Inoltre in alcuni villaggi i bambini fanno la versione portoghese del celebre trick or treat, “Doce ou Travessura”.
  • Quanto fa paura: 5/10
  • Come arrivare: Non è difficile, si trova proprio nel centro di Coimbra.
  • Ingresso: È un hotel con una spa, una biblioteca, una sala concerti e un anfiteatro.
  • Cosa fare: Andare alla spa dell’albergo, ma attenti i fantasmi dei reali portoghesi potrebbero uccidervi!

Ochate – Burgos (Spagna)

I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Ochate

Il sinistro e maledetto villaggio di Ochate – Flickr: Ochate.com

Scomparso due volte, prima nel 13° secolo e poi nel 19°, Ochate è un piccolo villaggio maledetto. Molte leggende legate al mondo del paranormale sono ambientate qui, un luogo di pellegrinaggio obbligato per gli esperti in materia. È diventato particolarmente famoso dopo il 1980, quando è stato avvistato nel villaggio un UFO. Anche la Deusto University ha scritto un ambiguo resoconto dell’evento che non nega l’avvistamento dell’oggetto alieno. Secondo la leggenda, Ochate è stato abbandonato per le peste del 1860, 1864 e 1870, (vaiolo, tifo e colera), ma queste date non corrispondono con quelle della piaga in quest’area.

Sparizioni, episodi di combustione spontanea, registrazioni della voce di spettri, strani apparizioni, luci e anche temporanee sparizioni di un’intera unità dell’esercito nell’area, concorrono a rendere misterioso e inspiegabile questo luogo.

  • Eventi speciali: In Spagna tradizionalmente si festeggia il 1° novembre, “Día de difuntos” (il giorno dei morti), dedicato ad onorare le persone amate e che non ci sono più. Però la festa statunitense si è insinuata anche qui ed alcuni club organizzano party e feste a tema in occasione della notte del 31 ottobre.
  • Quanto fa paura: 8/10
  • Come arrivare: Non è semplice – si trova a 33 chilometri da Miranda del Ebro e 14 da Vitoria, il paese più vicino è Imíruri. Si raggiunge a piedi e ci si rende conto di essere nelle vicinanze non appena si scorge la Torre di San Miguel.
  • Ingresso: A rischio di combustione spontanea!
  • Cosa portare: Una fotocamera per fotografare la bellissima torre e la piccola chiesa e da utilizzare in caso di avvistamenti UFO.

Cimitero di Nameless – Vienna (Austria)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Cimitero di Nameless

Ingresso al cimitero di Nameless in Austria – Flickr: Lydia Platzer

Il cimitero di Nameless è uno dei luoghi più infestati dell’Austria. In alcune tombe sono sepolti i corpi  che appartengono alle persone che sono annegatetra il 1845 e il 1940 senza una ragione plausibile. Alcuni dicono che sono i corpi di chi ha commesso suicidio buttandosi nel Danubio. C’è una corrente nel fiume che trasporta tutti i corpi in questo luogo, proprio dove si trova il cimitero. Molti non sono stati ancora identificati e non hanno nome sulla tomba. 104 morti annegati sono sepolti qui e 61 ancora non hanno nome o pace.

  • Eventi speciali: Feste a tema in quasi tutti i club di Vienna. Per Halloween si raccolgono le zucche e alcuni austriaci lasciano pane e acqua per le anime dannate la notte di Halloween. L’1-2  novembre si celebra la festa cattolica di “Tutti i Santi e Tutte le Anime”, un momento per ripensare ai propri cari defunti e fare loro visita al cimitero.
  • Quanto fa paura: 5/10
  • Come arrivare: Si trova vicino al canale del Danubio. Trovare il cimitero non è semplice perché è piccolo e nascosto da alcuni grandi depositi di grano. Si possono chiedere indicazioni lungo la strada. Ma state attenti se decidete di visitarlo la notte, non c’è illuminazione! Paura …
  • Ingresso: Visitare il cimitero è gratuito.
  • Cosa portare: Una lampada tascabile (se si  visita la notte).

Orto Botanico – Lucca (Italia)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Orto Botanico Lucca

Stagno nell’Orto Botanico di Lucca. Riuscite ad intravedere qualche ombra? Flickr: Gerry Labrijn

Sembra che l’orto botanico di Lucca sia infestato dal fantasma di Lucida Mansi, una nobildonna vissuta in questa città nel 17° secolo. Bellissima e crudele si dedicava a una vita di piaceri carnali e materiali. Dopo aver passato la notte con gli amanti li uccideva facendoli cadere in una botola piena di lame affilate. Un giorno, guardandosi allo specchio, scorse una prima ruga e si rese conto che la sua bellezza stava sfiorendo. Pianse e si disperò fino a quando un giovane le apparse e le promise trent’anni di bellezza immutata. Era il diavolo. Lucida accettò il patto e per trent’anni visse senza che la sua figura invecchiasse. La notte del 14 agosto 1646 il diavolo riapparse e pretese di riavere l’anima di Lucida. Lei per scappare si arrampicò sulla torre del castello dove viveva, nel tentativo di bloccare la campana che stava per scoccare la mezzanotte. Il suo tentativo fallì, il diavolo la raggiunse e la portò con sè su di una carrozza in fiamme e poi si inabissò nel laghetto dell’orto botanico di Lucca.

Sembra che ancora oggi si possa scorgere il volto della bella nobildonna immerso nel laghetto dell’orto botanico e durante le notti di luna piena ci sono avvistamenti della carrozza in fiamme che corre per il giardino fino a scomparire, ancora una volta, nell’acqua. Alcune persone hanno avvistato il fantasma di Lucida vagare senza pace in quella che fu la sua residenza a Villa Mansi in Segromingo. Altri ancora, l’hanno vista apparire completamente nuda vicino alle mura di Lucca, non lontane dell’orto botanico.

La Lucida della leggenda potrebbe corrispondere a Lucida Saminati, vissuta a Lucca tra il 1606 e il 1646 e morta di peste. Secondo le testimonianze si era sposata molto giovane con Vincenzo Diversi che era stato assassinato qualche anno dopo e poi era andata in sposa a un marito più vecchio, Gaspare di Nicolao Mansi e aveva iniziato la sua vita libertina.

  • Eventi speciali: Halloween sta diventando popolare in tutta Italia, i bambini si travestono e fanno “dolcetto o scherzetto” e molti club e discoteche organizzano delle feste a tema. Tradizionalmente si festeggiano però l’1 e il 2 novembre, rispettivamente giorno di Ognissanti e la commemorazione di tutti i defunti. Il 2 novembre ci si reca al cimitero e si onorano i defunti, I dolci dei morti sono i dolci tradizionali che si preparano in questi giorni e che variano da zona a zona.
  • Quanto fa paura: 6/10
  • Come arrivare: Si trova a Lucca, vicino alle mura della città.
  • Ingresso: È possibile visitare il giardino botanico di Lucca e il lago dove si può scorgere lo spettro della nobildonna. Gli orari di apertura variano a seconda dei periodi dell’anno, in inverno le visite sono solo su prenotazione.
  • Cosa portare: Una fotocamera o il proprio smartphone per fotografare il fantasma di Lucida Mansi e la bellezza dell’orto botanico.

Chateau Miranda – Ardenne (Belgio)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Chateau Miranda

Facciata del misterioso Chateau Miranda – Flickr: Alkan Chipperfield

Chateau Miranda, progettato dall’architetto inglese Milner nel 1866, è stato abitato fino al 1991 per poi cadere in completo disuso. Il municipio del paese si è offerto di ristrutturare il complesso, ma i proprietari, la cui famiglia ha vissuto in queste stanze fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, rifiuta di cedere il castello e il suo terreno. Quando i proprietari sono andati via, il castello è stato trasformato in un orfanotrofio ed è diventato noto anche come Chateau de Noisy o Home de Noisy. Dal 1980 è stato utilizzato per le attività all’aria aperta dei bambini.

Adesso quasi tutte le 500 finestre che lo compongono sono a pezzi e parti di esso sono crollate. È in uno stato di completo sfacelo, tanto che nel 2013 ne è stata chiesta la demolizione. Una leggenda racconta di una donna vestita di bianco che vaga per il palazzo e osserva i visitatori dalla sua torre. Fa parte della famiglia che viveva nel palazzo e continua ad infestarlo.

  • Eventi speciali: Nel castello non vengono organizzati party per festeggiare la notte di Halloween, ma nei paesi vicini si possono trovare feste a tema.
  • Quanto fa paura: 7/10
  • Come arrivare: Bisogna mettersi alla prova, non è facile da trovare ed è difficile riuscire a visitarlo.
  • Ingresso: Nel 2014 è stato alzato un cancello a circondare l’area, ci sono telecamere di sicurezza e un cartello di avvertimento con delle pistole. Ma si può sempre trovare il modo per entrare.
  • Cosa portare: Qualcosa per entrare nelle grazie dello spirito.

Abbaye de Mortemer – Lisors (Francia)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Abbaye de Mortemer

L’infestata Abbaye de Mortemer in Francia – Flickr: stephane martin

L’abbazia di Mortemer è considerata il convento più infestato di tutta la Francia. Un monastero cistercense costruito nel 1134 a Lisors, non lontano da Rouen, esorcizzato nel 1921. Molte leggende e storie di fantasmi hanno l’abbazia come sede. Matilda d’Inghilterra ha vissuto rinchiusa qui per cinque anni per volere di suo padre Henry I d’Inghilterra e dopo la sua morte è tornata ad infestare questo luogo. Quattro monaci furono uccisi durante la Rivoluzione Francese e ora vagano per l’abbazia. Se vedete un gatto nero siete probabilmente in presenza del gatto di un goblin che fa da guardiano al tesoro del monastero.

  • Eventi speciali: In Francia Halloween sta iniziando a diventare un evento popolare e la tradizione viene riproposta in molti luoghi. È però a Limoges, nella Francia centro occidentale, che ha luogo il party di Halloween più famoso di tutto il paese. Dal 1996 la città ospita il 31 ottobre una parata in costume con fantasmi, goblin e ghouls con candele scavate nelle zucche. Partecipano alla sfilata dalle 30.000 alle 50.000 persone e un treno spaventoso attraversa tutta la città. Oltre alla sfilata tutti i pub e i club del paese organizzano delle feste a tema, bisogna solo pensare al costume che si vuole indossare.
  • Quanto fa paura: 8/10
  • Come arrivare: Si raggiunge facilmente in auto e si trova a circa 40 km da Rouen.
  • Ingresso: Si può visitare l’abbazia dal 1° maggio al 31 agosto dalle 11:00 alle 18:30 e d’inverno dalle 11:00 alle 18:00. Ci sono anche tour guidati e tutto l’anno vengono organizzati eventi e spettacoli, specialmente in estate.
  • Cosa portare: Una fotocamera per cercare di immortalare qualche spettro.

Castello di Waardenburg  – Gelderland (Paesi Bassi)

Omio: I luoghi più infestati dove passare la notte di Halloween - Castello di Waardenburg

Waardenburg, il castello di Faust Flickr: Bert Kaufmann

Costruito nel 1265, deve la sua fama alla leggenda di Faust e all’omonima opera di Goethe. Il dottor Johann Georg Faust stava lavorando sulla pietra filosofare nel suo castello, quando, secondo le voci, strinse un patto con il diavolo. Il diavolo, in veste del suo aiutante Joost, secondo l’accordo avrebbe trasformato Faust in un prodigio dell’alchimia per sette anni, in cambio della sua anima. Faust e Joost riuscirono a fare cose surreali, al limite dell’impossibile, avvolte nel mistero, come costruire un ponte e distruggerlo immediatamente dopo. Ma allo scadere dei sette anni l’unica cosa rimasta di Faust erano un po’ di capelli e il suo sangue sulle pareti che mai scomparse.

Sembra che all’interno della camera degli ospiti del castello, dove il dottore e il suo aiutante erano soliti svolgere i loro esperimenti, si possano udire dei passi e oggetti che vengono mossi, e scorgere all’improvviso un volto in una finestra.

  • Eventi speciali: Alcuni club del paese organizzano dei party per l’occasione.
  • Quanto fa paura: 8/10
  • Come arrivare: Non è difficile raggiungere il luogo dove si trova il castello, ma è impossibile entrare.
  • Ingresso: Aperto solo in occasione del Giorno dei Monumenti Aperti. All’interno si trova un ufficio. I cacciatori di fantasmi ottengono permessi speciali per varcare l’entrata e investigare il passato che qui si è consumato.
  • Cosa portare: Una macchina fotografica, ma è possibile scattare foto solo all’esterno.