“Notte e giorno faticar per chi nulla sa gradir; piova e vento sopportar, mangiar male e mal dormir… Voglio far il gentiluomo, e non voglio più servir. Oh, che caro galantuomo! vuol star dentro colla bella, ed io far la sentinella! Ma mi par… che venga gente; non mi voglio far sentir.”

Così inizia il Don Giovanni di Mozart nelle parole di Lorenzo da Ponte, una delle opere liriche più conosciute e rappresentate al mondo. Musica e canto a teatro, che mettono in scena una storia, che fa ridere, piangere o riflettere. L’opera. Un genere teatrale che si è sviluppato in Italia a partire dal 15°-16 secolo e che ha dato vita ai sottogeneri, quali l’opera seria, quella buffa, l’opéra comique francese, il melodramma giocoso, il musikdrama, la farsa, ecc. I teatri d’opera in Europa sono tanti e alcuni di questi molto celebri, per il loro passato o presente, associati a un’opera o un cantante. Noi abbiamo deciso di evitare di parlare della Scala o del Teatro San Carlo, o dell’opera di Vienna e di soffermarci, invece, su quello che c’è da scoprire in Europa, i teatri d’opera un po’ speciali, con una storia da raccontare.

Opera Reale di Det Kongelige Teater – Copenhagen (Danimarca)

Il teatro d’opera più moderno al mondo. Progettato dall’architetto Henning Larsen nel 2000, l’edificio è stato ultimato nel 2005 ed è costato circa 500 milioni di dollari. L’Operan (opera in danese) è circondata da canali che creano l’impressione che si trovi su di un’isola ed  è accessibile percorrendo dei ponti di legno. Il teatro è stato donato allo stato danese dalla fondazione A.P. Møller e Chastine Mc-Kinney Møller, conosciuta anche come Mærsk. La prima opera ad andare in scena è stata l’Aida di Verdi.

  • Anno di costruzione: 2001-2004.
  • Stile architettonico: Contemporaneo.
  • Capacità: Tra 1.492 e 1.703 posti, a seconda della grandezza dell’orchestra. Sono 1.492 i sedili da cui si gode un’ottima visuale.
  • In scena: 6-21 dicembre balletto “A folk tale” e dal 2 novembre al 25 gennaio “Lady Macbeth” del Mtsensk Distrit.
  • Prezzo: 125-795 DKK (16,79-107€) per l’opera e 95-695 DKK (12,76-93€) per il balletto.
  • Tour: Sono disponibili diversi tipi di tour, alcuni più legati alla storia dell’edificio, altri al backstage e c’è anche la possibilità di partecipare a workshop teatrali.

Teatro Regio – Torino (Italia)

Teatri d’opera e non solo in giro per l’Europa - Teatro Regio

Foto: Andrea Messana

Il Teatro Regio si trova in Piazza Castello a Torino, è stato fondato nel 1740 ed è uno dei teatri d’opera più famosi in Europa. L’architetto Filippo Juvarra si è occupato del progetto originale e in seguito alla sua morte, Carlo Emanuele III ha scelto a Benedetto Alfieri di ultimarlo. Il teatro ha esordito il 26 dicembre 1740 con un’opera italiana, Arsace di Francesco Feo.

Durante la notte dell’8-9 febbraio 1936 un incendio divampò nel teatro distruggendolo. Ci sono voluti quaranta anni per ricostruirlo. L’amministrazione della città di Torino negli anni Sessanta designò gli architetti Marcello Zavelani Rossi e Carlo Mollino per portare avanti la ricostruzione, che ebbe luogo tra il 1967 e il 1973. Nuovamente ultimato, il teatro venne inaugurato il 10 aprile 1973 con I Vespri Siciliani di Verdi, diretti da Maria Callas e Giuseppe di Stefano. Il repertorio attuale include opera, ma anche balletto, performance del Coro e dell’Orchestra, spettacoli dedicati alle famiglie ed eventi organizzati in collaborazione con istituti locali e Torino Settembre Musica.

  • Anno di costruzione: È stato inaugurato nel 1740 e in seguito alla ricostruzione ha riaperto nel 1973.
  • Stile architettonico: Contemporaneo (dopo la ricostruzione).
  • Capacità: 1.582 posti disponibili.
  • Direttore Artistico: Gastón Fournier-Facio e Gianandrea Noseda, direttore musicale.
  • In scena: Giulio Cesare. La stagione 2014/2015 ha avuto inizio a fine di settembre.
  • Tour: Da settembre a luglio è possibile visitare il teatro. Durante le vacanze e i giorni della prova in costume o le mattine i tour sono sospesi.

Teatro dell’Opera – Liege (Belgio)

Re Guglielmo I d’Olanda ha commissionato la costruzione del teatro all’architetto Duckers nel 1816. Il progetto riprendeva lo stile neoclassico con colonne in marmo. Il teatro è stato costruito  dove si trovava un vecchio monastero con l’utilizzo dei materiali di due chiese antiche. L’istituzione occupa il palazzo e paga un affitto al comune di Liege. Vengono rappresentate opere e operette del 18° secolo, Cherubini, Galuppi, Gluck e Gretry  e 19° secolo, i maestri Verdi, Puccini  e Massenet.

  • Anno di costruzione: Inaugurato nel 1820, ha riaperto dopo la Seconda Guerra Mondiale nel 1919.
  • Stile architettonico: Stile neoclassico con colonne in marmo.
  • Capacità: 1.033 posti.
  • Direttore artistico: Stefano Mazzonis di Pralafera dal 2007 è stato direttore generale e direttore artistico del Teatro dell’Opera di Liege, è lui che ha scelto l’acclamato Paolo Arrivabeni come direttore musicale.
  • In scena: Luisa Miller di Verdi.
  • Prezzo: Biglietti tra i 10 e gli 80€. Sconti dedicati agli under 26 e persone tra i 26 e i 32 anni.
  • Tour: Tour virtuale online.

Folies Bergère – Parigi (Francia)

Progettato dall’architetto Plumeret come un teatro d’opera e inaugurato nel 1896 con il nome di Folies Trevise, è una delle scene più celebri di Parigi. È diventato famoso durante la Belle Epoque e la sua notorietà è continuata per tutti i favolosi anni Venti. Non è mai stato un teatro d’opera, ma di cabaret. Tra le performance si annoverano operette, opéra comique e canzoni popolari. Il 13 settembre 1872 da Folies Trevise è diventato Folies Bergère, dal nome di rue Bergère. È stato dipinto da Édouard Manet nel 1882, Il bar delle Folies Bergère è uno dei suoi quadri più conosciuti. Anche l’artista post-impressionista Toulouse-Lautrec è legato a questo teatro, a quanto pare ha assistito regolarmente agli spettacoli tra il 1894 e il 1896. Infine, Les Folies Bergère compare anche in À la recherche du temps perdu di Proust. Adesso il teatro ospita musical e spettacoli di cabaret, oltre a spettacoli per bambini.

  • Anno di costruzione: È stato inaugurato il 2 maggio 1896.
  • Stile architettonico: Imita quello dell’Alhambra a Londra.
  • In scena: Gregoire, Love circus e Trotro fait son cirque (per bambini).
  • Prezzo: Da 19 a 90€. Riduzioni per gruppi di minimo dieci persone.
  • Tour: No, purtroppo.

Seebühne – Bregenz (Austria)

Il più grande palcoscenico a bordo lago (Seebühne) con oltre 7.000 posti per gli spettatori. Si trova a Bregenz, in Austria, e ospita l’annuale Festival di Bregenz (Bregenzer Festspiele) una nota performance di arte e musica che si svolge nel mese di luglio-agosto. È conosciuto per lo spettacolare panorama naturale sul lago di Costanza, gli ampi palchi e l’ottima acustica. Le rappresentazioni sono prese dal repertorio popolare, ma non mancano gli aspetti innovativi. La prima opera qui rappresentata è stata Bastien und Bastienne di Mozart. In caso di pioggia ci si rifugia nella Festspielhaus di Bregenz. Inoltre il palco fluttante appare nel film Quantum of Solace di James Bond.

  • Anno di costruzione: Il palco galleggiante di Bregenz è stato costruito nel 1950, dopo una donazione di Karl Deuring .
  • Capacità: 7.000 posti disponibili.
  • In scena: Il prossimo Festival di Bregenz avrà luogo dal 22 luglio al 23 agosto 2015. Turandot di Giacomo Puccini in programma.
  • Prezzo: Da 29€ (cat 5) a 122€ (cat 1). I biglietti Lounge hanno un costo di 298€. Solo i biglietti della categoria 1 e quelli lounge sono validi per gli spettacoli nella Festspielhaus. Gli studenti hanno diritto a una riduzione fino al 75%, persone disabili e membri usufruiscono di biglietti scontati.
  • Tour: Tour della durata di 50 minuti ogni lunedì, mercoledì e venerdì alle 16:00 dal 1.6 al 21.7 e tour giornalieri dal 22.7 al 23.8 alle 10.30, 11.30, 12.30, 13.30, 14.30 e 15.30. Il costo è di 7€ per adulti e gratuito per bambini fino ai 10 anni d’età.

Komische Oper – Berlin (Germania)

Quando ha iniziato la sua attività alla fine dell’Ottocento con Die Fledermaus di Johann Strauss, la Komische Oper di Berlino, portava il nome di Teatro di Unter den Linden, la strada che conduce alla Porta di Brandeburgo. Era considerato un luogo di intrattenimento, dove andavano in scena commedie musicali e operette. L’edificio era stato progettato dagli architetti viennesi Ferdinand Fellner e Hermann Helmer. Quando è stato ricostruito nel 1898 ha assunto il nome di Metropol Theatre, diventando uno dei teatri d’opera più famosi in Germania. In seguito con l’ascesa al potere dei Nazisti, sotto il controllo del Ministero dell’Educazione e della Propoganda e lo slogan “Kraft durch Freude” (Strength through Joy), è passato all’intrattenimento di massa. Nel 1944 vengono chiusi tutti i teatri della Germania, incluso il Metropol Theatre. Distrutto durante la guerra, è stato ricostruito nel 1945 e ha riaperto come Komische Oper nel 1947. Il nome corrente si riferisce all’opéra comique francese.

  • Anno di costruzione: il Komische Oper di Berlino è stata edificato originariamente nel 1892. Parzialmente distrutto verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, i lavori di ricostruzione sono iniziati nel 1946.
  • Stile architettonico: Originariamente è stato costruito nello stile barocco, dopo la ricostruzione presenta uno stile più moderno.
  • Capacità: Il teatro è in grado di ospitare 1.190 persone.
  • Direttore artistico: Barrie Kosky stagione 2012/2013.
  • In scena: West Side Story, Il fantasma di Canterville, Sinfoniekonzert 2: Vladimir Jurowski, Ulrich Matthes und Johannes Moser, Die schöne Helena, Il Flauto Magico.
  • Prezzo: Opera e balletto tra 10€ e 149€, fino ai 18 anni 11-15€.
  • Tour: Sono disponibili tour guidati al prezzo di 6-8€ e tour speciali alla scoperta dei costumi e il make-up in scena.

Teatro Nazionale delle Marionette – Praga (Repubblica Ceca)

Il Teatro Nazionale delle Marionette è una compagnia che dal giugno 1991 si dedica a mettere in scena spettacoli con i burattini. Adattano classici del teatro e dell’opera. Il loro successo è legato alla rappresentazione per marionette di Don Giovanni, replicato 4.500 volte. Le esibizioni avvengono in uno spazio storico e protetto chiamato Říše loutek (Regno dei burattini). Il teatro di burattini è entrato a far parte nel 1929 dell’Unione Internazionale delle Marionette, la più grande organizzazione non governativa specializzata nel teatro e associata con l’UNESCO. Il teatro si trova nella libreria municipale, nel centro storico di Praga, solo a pochi minuti di distanza dalla piazza vecchia (Staroměstské náměstí).

  • Anno di costruzione: Il teatro è stato costruito tra il 1925-1928.
  • Stile architettonico: Art déco, tipico della capitale Ceca.
  • Capacità: 400 posti.
  • Direttore artistico: Karel Brožek
  • In scena: Don Giovanni e Il Flauto Magico di Mozart.
  • Prezzo: 590 CZK (21,3 €) biglietto intero e ridotto a 490 CZK (17,7€) per bambini, studenti e over 65.
  • Tour: C’è la possibilità di prendere parte ad una visita guidata dell’intero teatro e della storia delle marionette in Repubblica Ceca. Inoltre vengono organizzati workshop per costruire la propria marionetta o, addirittura, una famiglia di marionette, o si può mettere in scena il Don Giovanni e fare foto con i burattini. A due ore da Praga, più precisamente a Český Krumlov, c’è anche un Museo delle Marionette.

Grand Opera House – Belfast (Regno Unito)

Il Grand Opera House ha aperto i battenti a Belfast, in Irlanda nel Nord,  il 23 dicembre 1895, più di un secolo fa. Pavarotti si è esibito qui interpretando il Luogotenente Pinkerton nel Madame Butterfly. Fino al 1969 il teatro dell’opera era un centro d’arte e performance e ha ospitato una grande varietà di spettacoli. Durante la seconda Guerra Mondiale la compagnia Savoy Players si è esibita qui settimanalmente. Nel 1969 a causa della Guerra Civile gli spettacoli sono stati interrotti. Nel 1974 Ulster Architectural Society  è riuscito ad evitare la demolizione dell’edifico e inserirlo nella lista dei luoghi storici e protetti. È stato ristrutturato negli anni 80 e poi negli anni 90, in seguito a danneggiamenti dovuti ad autobombe esplose a Belfast nel 1993.

  • Anno di costruzione: Inaugurato nel 1895, ristrutturato negli anni 80 e 90, ampliato nel 2006.
  • Stile architettonico: Orientale con un mix di barocco e fiammingo.
  • Capacità: 1.063 posti.
  • In scena: One Man Two Guvnors.
  • Prezzo: Opera e Balletto tra 17-50£ (21-62€), Musical 12-50£ (15-62€).
  • Tour: Tour del teatro prenotabili online, ma con posti limitati. Sul sito il tour virtuale.

Teatre Principal de Maó  (Spagna)

Il teatro d’opera più antico di tutta la Spagna. È stato costruito utilizzando parte delle mura medievali di Maó, capitale di Minorca, nelle Baleari. Prima c’erano altri teatri di minori dimensioni, ma quando nell’Ottocento l’opera è diventata popolare, è diventato necessario costruire uno spazio più grande. Il Teatre Principal de Maó è stato costruito nel 1829, seguendo lo stile dei teatri d’opera italiani per volere di Giovanni Palagi. Venne parzialmente distrutto da una bomba durante la Guerra Civile, combattuta tra il 1936 e il 1939, ed è stato ricostruito in seguito. Attualmente presenta una facciata Novecentista, mentre l’interno ha mantenuto lo charme del 19° secolo con l’utilizzo delle nuove tecnologie. Il programma è vario e va ben oltre le opere teatrali con concerti e spettacoli.

  • Anno di costruzione: 1829.
  • Stile architettonico: Neoclassico italiano.
  • Capacità: 837 posti, di cui 160 con visibilità ridotta.
  • In scena: Amanti di Vincente Aranda e El Pou de na Patarrà. La stagione 2014/2015 è alle porte.
  • Prezzo: Varia in base all’opera messa in scena e ai posti selezionati, in media tra i 10-25€.
  • Tour: Virtuale online.

Il teatro Nazionale lituano d’opera e balletto  – Vilnius (Lituania)

Il teatro divenne uno di quelli più famosi dell’Unione Sovietica ospitando attori e cantanti celebri dell’URSS. Ad esempio Edda Moser, Anna Tomowa-Sintow, Grace Bumbry, James King, Nicola Rossi-Lemeni, Louis Quilico, Yvette Chauvire. Compagnie di balletto provenienti da tutto il mondo si sono esibite su questo palco, tra cui  Slovakian National Theatre, the Spanish National Ballet, the Ballet du Grand Theatre de Geneve, New York City Center Joffrey Ballet, Maurice Bejart “XXth Century Ballet”, Monte Carlo Ballet.

  • Anno di costruzione: Il periodo di costruzione è iniziato negli anni ‘60 del Novecento, l’edificio è stato completato e inaugurato nel 1974.
  • Stile architettonico: Moderno con influenze russe e scandinave.
  • Capacità: 1.130 posti disponibili.
  • Direttore Artistico: Robertas Šervenikas, Martynas Staškus e Alvydas Šulčys.
  • In scena: Uno spettacolo con burattini per bambini, Lo schiaccianoci, Le nozze di Figaro, il balletto Carmen e molti altri. La stagione si svolge tra settembre e giugno.
  • Prezzo: Il prezzo varia in base al tipo di spettacolo e alla posizione scelta. Per l’opera il prezzo varia da 35 Lt (10,21€) a 190 Lt (55,41). Sono previsti sconti per gruppi, studenti e insegnanti.
  • Tour:  Tour reali e virtuali disponibili.