Casa

Benvenuti al quarto numero di The Window Seat. Concludiamo l’anno a “Casa”, che non è solo un luogo ma anche un modo di sentirsi.

La Città Vecchia di Varsavia è un tripudio di colori pastello.

Varsavia: una guida alla città

La capitale polacca è la mecca della vodka e della cultura alternativa

La “Parigi del nord” sarà stata anche rasa al suolo durante la Seconda guerra mondiale, ma da allora è risorta come una fenice dalle ceneri diventando un punto di riferimento per l’arte moderna, la cucina innovativa, i bar alimentati a vodka, una florida scena artistica e una vivace movida. La città polacca è stata la mecca ufficiosa della controcultura europea a partire dalla Rivolta di Varsavia (un movimento clandestino di liberazione durante il secondo conflitto mondiale) fino alla caduta del Comunismo nel 1989 sotto la guida della Solidarność di Lech Walesa. Sebbene la città sia stata pesantemente bombardata in entrambe le guerre mondiali, da allora è stata amorevolmente restaurata, diventando il cuore pulsante dell’Europa centrale.

Varsavia ha ospitato famose fiere di design, ha ampliato le sponde del suo fiume trasformandole in luoghi di festa e, d’estate, tiene concerti di musica classica all’aperto nei vari parchi cittadini, sviluppando anche una forte scena culinaria con ristoranti a cinque stelle e “milk bar” del Dopoguerra che servono lauti pasti caserecci.  

Varsavia

Dove mangiare

Nonostante non si tenda a considerarla una meta gastronomica tradizionale, la capitale polacca si sta rapidamente guadagnando la reputazione di paradiso culinario grazie ai suoi ristoranti stellati e ai locali vegani che servono versioni salutari dei tipici pierogi

I lavoratori spesso si recano da Krowarzywa, un locale specializzato in burger vegani situato appena fuori dalla Piazza Centrale. Prendi il Beyond Burger, probabilmente il miglior panino vegano del Paese. Per maggiori informazioni su Krowarzywa, consulta la nostra guida ai ristoranti vegani in città non vegane.

Se vuoi qualcosa di più tradizionale, vai al Bar Mleczny Prasowy, una reliquia del Dopoguerra, distante appena 10 minuti di tram dal centro. Dal 1954 questo conveniente milk bar serve piatti tipici, come la sostanziosa zuppa di pomodoro polacca, i pierogi di carne, lo stufato di bigos e le cheesecake al forno. Tre portate ti costeranno appena 10 euro.  

Se preferisci qualcosa di più chic, Romantyczna nella piazza del centro storico offre piatti tradizionali e deliziose specialità della cucina polacca, come la carne di cervo alla griglia, gnocchi e torta al miele. Prendi un posto all’interno dell’accogliente locale sotto ai mattoni a vista, fiori e candele. Durante l’estate potresti dover brancolare in cerca di un tavolo sulla terrazza all’aperto, quindi arriva presto per trovare un posto a sedere. 

Quando si tratta di bar, Varsavia la fa da padrona tra locali fatiscenti e club alla moda. La gente del posto conosce bene il Woda Ognista, un bar in stile proibizionista con soffitto in stagno che serve piccole porzioni di piatti moderni e cocktail artigianali sperimentali basati sui tradizionali liquori polacchi, come la vodka e l’idromele. Scegli il pesce gatto affumicato con uova cremose e buttalo giù con un bel Bobby Burns, un cocktail storico composto da Scotch invecchiato 12 anni, Benedectine e Vermouth dolce. Per i più giovani, dirigetevi sulla riva sinistra della Vistola, dove la fiorente popolazione studentesca di Varsavia si raduna per bere senza freni nei bar sulla spiaggia, come il Cud nad Wisła.

Cosa fare

Varsavia offre molte cose da fare e da vedere. Da dove cominciare? La Strada Reale è un tratto che porta dalla pittoresca Città Vecchia con il Castello Reale (una struttura in legno costruita nel XII secolo, oggi trasformata in museo) fino al Palazzo di Wilanow, soprannominato la “Versailles” polacca grazie alle sue ampie sale e all’architettura classica. 

Dopo il tour reale, dirigiti al 30° piano del Palazzo della Cultura e della Scienza di epoca sovietica, dove potrai ammirare la migliore vista panoramica della città. Il mercato notturno di Varsavia a Dworzec Główny è amatissimo dalla gente del posto e dai turisti per la dinamicità dello street food. Per un assaggio della vecchia Varsavia, sbircia attraverso gli oblò del più antico teatro stereoscopico d’Europa al Fotoplastikon Warszawski.

A soli 20 minuti dal centro si trova il Museo Polin. Per molti secoli gli ebrei hanno fatto parte del tessuto sociale della Polonia, quindi è più che naturale visitare quest’enorme galleria moderna per conoscere la loro storia in questa nazione dell’Europa dell’Est. Nel Museo Nazionale è custodita la “Battaglia di Grunwald” di Jan Matejko, un capolavoro di 10 metri di lunghezza che rappresenta l’epica sconfitta dei Cavalieri teutonici nel 1410.

La città vecchia di Varsavia prende vita con i mercati e le terrazze affollate.
Credit: Rudy and Peter Skitterians

 

Per un tuffo nel passato musicale della città, il Museo Fryderyk Chopin ti condurrà attraverso la vita e l’opera del celebre pianista. Dopo un tour del museo, siediti a goderti le esibizioni dal vivo, che ti trasporteranno indietro nel tempo fino all’epoca in cui il compositore creò il suo famoso brano. Potrai anche ascoltarlo all’interno, ma le panchine all’esterno offrono i posti migliori per respirare appieno lo spirito della musica.

Per qualcosa di più alternativo recati al Neon Museum, uno spazio industriale che espone più di 100 insegne al neon dell’epoca della Guerra Fredda. Dopo una giornata piena di visite turistiche, è il momento di gustare le tradizionali prelibatezze polacche. La Fabbrica di cioccolato di Wedel è un punto di riferimento della città e i bambini di tutte le età visitano il caffè e la rivendita di fronte per sgranocchiare qualche deliziosa leccornia. Concludi la giornata al Museo polacco della vodka, dove gli ospiti possono degustare vari liquori a base di patate e portarsene un po’ a casa come souvenir.   

Dove dormire

Kapsula Hotel Warszawa
Se non soffri di claustrofobia e ti piace incontrare altri compagni di viaggio, un soggiorno al Kapsula Hotel Warszawa è un’esperienza imbattibile. Seguendo il concept introdotto per la prima volta dai giapponesi più di trent’anni fa, gli ospiti dormono in piccole capsule poste una sopra all’altra. Certamente non ti sembrerà di dormire in un palazzo reale! Il design rinnovato include pannelli per la privacy e armadietti per l’essenziale.  

Motel One Warsaw Chopin
I fan del defunto compositore si divertiranno nel Motel One Warsaw Chopin in stile Art Deco. Situato accanto al museo che ne porta il nome, il Motel One presenta una sontuosa hall con sedie blu elettrico, un bar dorato con note musicali in bella mostra e stanze moderne con colori neutri, dipinti sgargianti, tocchi di colore e doccia a pioggia.  

Varsavia

Puro Warszawa Centrum
Design e arte si incontrano nel Puro Warszawa Centrum, un boutique hotel in stile decadente con un’estetica moderna anni Cinquanta. Aspettati di trovare interni eleganti, divani in velluto a coste e camere minimaliste con materassi Hildig su misura, abbastanza morbidi da poterci sprofondare dopo una lunga giornata di visite turistiche. Gli ospiti hanno a disposizione tablet altamente tecnologici e possono partecipare alle serate vintage e ai corsi di pilates organizzati dall’hotel. Assaggia un classico cocktail a base di vodka al Loreta, l’invitante terrazza all’ultimo piano con vista sul moderno skyline della città.