Cultura

Benvenuti all’ultimo numero della rivista The Window Seat. Questo mese scopriamo in che modo la “Cultura” si riflette nella nostra storia, rafforza i nostri legami ed è capace di farci esplorare il mondo.

Per tutta la durata della pandemia, l'industria teatrale globale ha pazientemente aspettato per il suo grande ritorno. Credit: Shutterstock

Lo spettacolo deve continuare

Scopri dagli addetti al settore come il mondo del teatro è sopravvissuto per un anno in isolamento

È difficile credere che sia passato più di un anno da quando la vita, così come la conoscevamo, si è fermata. In particolare, il mondo del teatro ha subito ovunque un brusco arresto: i teatri hanno chiuso le tende e spento le luci del palco.

Ciononostante gli addetti al settore hanno anche tirato fuori incredibili risorse creative e trovato modi nuovi ed entusiasmanti per intrattenere il pubblico da casa. Abbiamo parlato con alcune persone che lavorano nel teatro nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia per vedere come hanno affrontato la situazione nell’ultimo anno e per scoprire le loro speranze per il futuro.

Matt J. Bur è un direttore di scena di Broadway con sede a New York. Di recente ha lavorato a “Beetlejuice the Musical”.

Becky Mumby-Croft: Qual è stato il momento più difficile della pandemia, per te e per l’industria del teatro? In che modo la mancanza di pubblico fisico ha influenzato il settore?

Matt J. Bur: Il momento più difficile di questa pandemia è stato quello di chiudere e mettere in sospensione tutta la mia vita.

Il teatro richiede troppo tempo per essere alla fine solo una questione lavorativa: è invece uno stile di vita, una comunità, una descrizione onnicomprensiva di chi siamo. Non è solo il mio lavoro che è andato. Ogni singolo pezzo della mia vita è entrato in sospensione l’anno scorso e nessuna parte della mia vita è più tornata alla normalità. Poiché lo scopo del teatro è quello di riunire le persone in una stanza con un’esperienza collettiva e irripetibile, semplicemente tutto questo non esiste più.

B.M.C .: In che modo la comunità teatrale si è mantenuta positiva durante la pandemia?

M.J.B .: La comunità teatrale è forte e i nostri legami sono profondi. Contiamo sulla reciproca comprensione di questa situazione in cui ci troviamo e sullo stile di vita unico che abbiamo amato e perso. Gli artisti stanno usando il loro tempo per ideare forme di creatività che possano avere luogo in modo sicuro e virtuale, e noi tutti usiamo questo tempo anche per celebrare il bellissimo teatro che siamo stati in grado di fare in passato.

B.M.C .: Quali teatri americani consiglieresti alle persone di visitare e/o di supportare?

M.J.B .: The Great White Way è sempre stato il mio primo amore ed è la mia prima raccomandazione. Non c’è niente come entrare in un bellissimo vecchio teatro di Broadway e vedere un musical imponente realizzato con un alto budget. L’emozione, il racconto, la magia, lo spettacolo! Semplicemente non esiste niente di simile da nessun’altra parte. Broadway tornerà e noi non vediamo l’ora.

Katrina Ferguson è un’attrice professionista, originaria dell’Australia, che si è esibita nell’off-Broadway e in teatri regionali negli Stati Uniti e in Europa.

B.M.C .: In che modo la mancanza di pubblico fisico ha influenzato il settore? Cosa c’è di così speciale nell’esibirsi di fronte a un pubblico dal vivo?

Katrina Ferguson: La mancanza di pubblico fisico ha significato che non ci sono entrate dalla vendita dei biglietti. Il personale è stato licenziato e molti teatri più piccoli sono stati chiusi in tutto il Paese. Quando ci esibiamo di fronte a un pubblico dal vivo, la risposta del pubblico, incluse le risate, è cruciale per la performance. Mi esibisco in molte commedie e il pubblico è essenzialmente quasi un altro personaggio in scena. Possiamo ascoltarlo, nelle sue risate, nelle sue risposte.

B.M.C .: In che modo la comunità teatrale si è mantenuta positiva durante la pandemia?

KF: La pandemia, il movimento Black Lives Matter, insieme ai disordini politici, ha [sic] smascherato le iniquità negli Stati Uniti. Ciò si è reso evidente anche nel nostro settore, con i sindacati di artisti e direttori di scena che hanno rilasciato dichiarazioni a sostegno del movimento BLM. Ci samo tutti impegnati ad andare avanti, sapendo che c’è del lavoro da fare, molte cose da imparare e molte azioni da intraprendere per creare il tipo di teatro inclusivo di cui abbiamo bisogno. Questi passi ci stanno muovendo tutti in una direzione positiva.

B.M.C .: Cosa pensi sul futuro del teatro?

K.F .: John Steinbeck ha scritto: “Il teatro è l’unica istituzione al mondo che muore da quattromila anni e non ha mai ceduto. Richiede persone tenaci e devote per mantenerlo in vita”. Ed è quello che sta succedendo, quindi sono continuamente ispirata dalla creatività delle persone.

Il teatro si è spostato online per il momento. Ci sono così tanti contenuti da riprodurre in streaming che riesco a malapena a tenere il passo. Il teatro via Zoom e gli eventi online stanno diventando una nuova forma d’arte. Le audizioni, di solito tenute di persona, sono ora online. Tempo permettendo, ci sono spettacoli teatrali all’aperto e in social distancing in tutti [gli Stati Uniti], con più eventi in programma durante l’estate. Quindi, come spero, stiamo trovando un modo per sopravvivere.

Terry LeCompte è un artista professionista e un insegnante; attualmente ricopre il ruolo di Direttore dell’Istruzione per l’Ocala Civic Theatre nel nord della Florida centrale.

B.M.C .: L’Ocala Civic Theatre è rimasto aperto durante la pandemia, come ha gestito il teatro?

Terry Lecompte: L’Ocala Civic Theatre è stato bloccato nel marzo [del 2020] come prescritto. Durante la primavera e l’estate del 2020, abbiamo reinventato la nostra programmazione per la 70a stagione: la nostra direttrice artistica, Katrina Ploof, ha creato una nuova stagione di spettacoli e musical meravigliosi con un cast molto ridotto. Il casting viene fatto in modo che le coppie sul palco siano interpretate da coppie della vita reale. Ci sono anche spettacoli che si tengono a distanza, mentre i costumi e gli oggetti di scena sono meticolosamente puliti per aiutare a garantire la salute dei nostri membri del cast e delle troupe tecniche. Chiediamo inoltre a tutte le persone del pubblico di indossare le mascherine.

B.M.C .: Come hai mantenuto l’ispirazione creativa durante la pandemia?

Terry LeCompte: Quando l’Ocala Civic Theatre ha chiuso i battenti, il mio team educativo è stato in grado di reinventarsi rapidamente e creare una serie di lezioni di teatro virtuali. Eravamo tutti impegnati a mantenere i nostri giovani impegnati, nella consapevolezza che il teatro funge da ancora di salvezza per molti di loro.

Oltre alle lezioni virtuali, ho diretto tre produzioni virtuali: “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare e due musical creati per essere rappresentati online. Ho anche usato questo tempo per apprendere nuove abilità che sono adiacenti alla mia carriera teatrale, prendendo lezioni online, tra cui quelle di montaggio di film e produzione sonora. Gli artisti trovano sempre un modo per continuare a creare e questa pandemia ci ha ricordato quanto siamo resilienti e pieni di risorse.

B.M.C .: Cosa pensi sul futuro del teatro?

T.L .: I produttori di teatro di tutto il mondo hanno continuato a portare conforto, speranza, gioia, catarsi, ispirazione e legami nella società durante questa pandemia. Il teatro non ha mai avuto bisogno di più di un singolo narratore e di qualcuno che ascoltasse. Quando saremo di nuovo in grado di connetterci faccia a faccia, inizieremo da lì. Ricostruiremo un settore più forte applicando tutte le nuove abilità che abbiamo appreso, con una nuova raccolta di esperienze e storie che tutto il mondo troverà riconoscibili a modo suo.

Ellie Simpson è una produttrice al Pleasance Theatre di Londra e dirige Pleasance Futures, l’iniziativa di sviluppo degli artisti presso l’Edinburgh Festival Fringe.

B.M.C .: Qual è stata la tua reazione iniziale al primo lockdown? Cosa pensavi che sarebbe successo al tuo settore?

Ellie Simpson: Shock, preoccupazione e confusione. Un minuto ci stavamo preparando per ospitare la nostra Pleasance Comedy Reserve e, quello dopo, le nostre porte si sono chiuse a tempo indeterminato. Penso che tutti abbiamo pensato che sarebbe finita entro un paio di mesi. Nessuno di noi ha previsto che la pandemia sarebbe continuata nell’arco di tempo che è seguito. Né potevamo prevedere l’impatto devastante che ha avuto in molti settori e, in particolare, in quello artistico. Sapevo che il nostro settore avrebbe dovuto dar prova di resilienza, ma non pensavo che i nostri cinema sarebbero rimasti al buio per oltre un anno.

B.M.C .: In che modo Pleasance ha incorporato le performance online? Quali sono i pro e i contro delle performance online? Continueranno in futuro?

E.S .: Abbiamo principalmente supportato tour digitali e performance, assicurandoci che, mentre le nostre sedi sono inattive, teniamo ancora le luci accese sul lavoro che viene fatto. Durante la pandemia, abbiamo utilizzato i nostri spazi come strutture di produzione per commedie in streaming e come spazio di registrazione per spettacoli video-on-demand. Abbiamo in programma di crescere ulteriormente, poiché penso che il digitale sia qui per rimanere… in qualche modo!

Inoltre, l’esplosione che abbiamo visto delle performance digitali ha mostrato un’enorme ingegnosità. Molti artisti hanno adattato i loro spettacoli per il palco in drammi audio o podcast. Abbiamo anche riscontrato una maggiore accessibilità, sia in termini di posizione che di costi, il che è significativo. Il digitale ha avuto così tanto successo che penso che sarà difficile rimettere il genio nella bottiglia. Tuttavia, penso che sarebbe difficile battere uno spettacolo dal vivo e di persona, la sua energia e lo scambio reciproco tra artisti e pubblico.

B.M.C .: In cosa pensi che l’Edinburgh Fringe 2021 sarà diverso rispetto agli anni precedenti?

E.S .: Ci sarà un Fringe del Festival di Edimburgo del 2021, tuttavia, è probabile che sia un’entusiasmante miscela di esibizioni live e streaming digitale, con, si spera, un’interazione creativa tra i due approcci.

Il Fringe è il festival d’arte più grande del mondo ed è una parte cruciale nel nostro ecosistema. È anche un trampolino di lancio vitale per gli artisti all’inizio della carriera. Perdersi un secondo festival sarebbe devastante e, se ciò accadrà, penso che il nostro settore e gli artisti impiegheranno molto tempo per riprendersi. Anche se quest’anno il Fringe è più piccolo, è importante per gli artisti e il pubblico il mantenere vivo e acceso il suo lo spirito.