Ringiovanire

Benvenuti al sesto numero di The Window Seat. Questo mese, mentre l’inverno va terminando, usciamo dall’ibernazione per ringiovanire mente, corpo e anima.

Le mongolfiere spiccano in cielo nel Parco nazionale Göreme. Credit: EyeEm

A tutta natura

Scopri i parchi nazionali meno conosciuti d’Europa

Una delle poche cose positive del 2020 è stato riscoprire l’amore per i grandi spazi aperti: molti di noi hanno lasciato le città a favore di zone naturali più tranquille, dove godersi un’aria più fresca, pulita e frizzante. 

Mentre lentamente ci lasciamo alle spalle l’inverno più duro, siamo pronti anche a goderci di nuovo i grandi spazi aperti. Se anche tu, come noi, quest’anno hai intenzione di esplorare il lato più tranquillo dell’Europa, non cercare oltre per trovare la giusta ispirazione! Abbiamo setacciato il continente per scoprire alcuni dei suoi parchi nazionali più amati, e tuttavia non sempre visualizzati nelle prime pagine di ricerca Google. 

Paesaggi costieri, docili pianure e meravigliose formazioni rocciose… ecco alcuni dei nostri luoghi preferiti, che aspettano solo di essere esplorati.

Parco Naturale Hautes Fagnes, Belgio

Situato al confine tra Belgio e Germania, un viaggio in questo luogo è come fare un salto indietro nel tempo. Il paesaggio della riserva più antica e più grande del Belgio non è infatti praticamente cambiato dall’era glaciale. Su un’area di oltre 4.500 ettari, scoprirai fitte brughiere, foreste piene di abeti e ruscelli gorgoglianti. Raggiungi il Signal de Botrange e ti ritroverai nel punto più alto del Belgio, a quasi 700 metri sul livello del mare. Grazie ai numerosi sentieri in legno che lo attraversano, ampie parti del parco sono anche accessibili alle persone con mobilità ridotta.

Dove dormire: Domaine Des Hautes Fagnes
Questo hotel si trova a meno di 1,6 km dal Signal de Botrange. Tutte le camere sono arredate in uno stile moderno ma elegante e, in loco, sono presenti un centro benessere e un ristorante: è il luogo perfetto per rilassarsi dopo una lunga passeggiata.

Parco Nazionale di Hortobágy, Ungheria
Situato nell’Ungheria orientale, il Parco Nazionale di Hortobágy è la più grande prateria nazionale dell’Europa centrale. L’area ha alle spalle una ricca storia culturale e svolge un ruolo importante nel folclore ungherese. Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1999, mira a preservare l’antica cultura dei csikós – pastori montani ungheresi – che hanno lavorato queste terre dal XIII secolo. Aspettati di incontrare molti animali, tra cui mucche grigie ungheresi native e cavalli selvaggi di Przewalski. Le vaste aree pianeggianti, conosciute come Puszta in ungherese, ospitano anche più di 300 specie diverse di uccelli, rendendo queste zone un luogo ideale per il birdwatching.

Dove dormire: Sóvirág Vendégház Guesthouse
Questa tradizionale pensione ungherese si trova nell’insediamento di Hortobágy, a poco più di 10 km dal parco. Tutte le camere dispongono di servizi di base e sono dotate di terrazza o balcone. Nelle vicinanze potrete praticare attività come l’equitazione.

Parco Nazionale Peneda-Gerês, Portogallo
L’unico parco nazionale del Portogallo non delude le aspettative. Situato nel nord del Paese, a poco più di 100 km da Oporto, il parco protegge gli antichi villaggi granitici che risalgono al XII secolo. Con un’estensione di quasi 73.000 ettari, il parco si trova tra gli altipiani di Castro Laboreiro e Mourela. Il paesaggio è fantastico per coloro che amano le grandi escursioni: aspettati uno scenario epico, pieno di imponenti catene montuose (tra cui Gerês e Peneda), foreste di querce secolari e pittoresche cascate perfette per una nuotata rilassante dopo una giornata di esplorazione.

Dove dormire: Selina Gerês
Situato sul fiume Cávado, questo accogliente ostello si trova a soli 12 km dalla cascata di Arado. Con opzioni per dormire, tra cui tende glamping, dormitori e stanze private, tutte progettate secondo standard elevati, troverai l’opzione che fa per te.

Parco Nazionale Göreme, Turchia
Situato tra due vulcani spenti nel cuore della Turchia, il Parco nazionale Göreme offre un indimenticabile paesaggio. Patrimonio mondiale dell’UNESCO, il parco circonda la Cappadocia, un insediamento bizantino con la forma di un nido d’ape eretto in un paesaggio unico. Con formazioni rocciose uniche al mondo, come i “camini delle fate” e le torri di roccia, esplorare questi antichi luoghi ti farà sentire come se fossi atterrato su un altro pianeta. Lasciati incantare dai voli in alto delle mongolfiere o scopri la magia dei luoghi con una visita a piedi o in bicicletta.

Dove dormire: Safran Cave Hotel
In questa casa-grotta ristrutturata, a conduzione familiare, ogni camera è arredata in un sontuoso stile turco. Situata vicino al parco e alla Cappadocia, la sua ampia terrazza è il luogo ideale per trascorrere una calda serata.

Parco nazionale costiero del Pembrokeshire, Galles

Lasciati incantare dalla maestosa bellezza della costa gallese. Credit: EyeEm

Per chi ama il mare, questo parco nazionale del Galles è un luogo imperdibile. Si estende su 300 km lungo la costa gallese, là dove il paesaggio cambia drasticamente da un’estremità all’altra. Ricco di meraviglie naturali, qui scoprirai di tutto, dai resti di un’antica attività vulcanica alle grotte nascoste, alle spiagge sabbiose, fino alle audaci scogliere calcaree. Il Parco di Pembrokeshire è anche orgoglioso della sua dedizione alla sostenibilità, con 11 spiagge premiate con la Bandiera Blu per la loro pulizia e per l’impegno nella protezione ambientale, rendendo ancora più allettante un tuffo nelle acque brillanti di queste zone.

Dove dormire: Roch Castle
Questo castello, costruito nel XII secolo, vanta camere moderne dotate di tutti i comfort. Situato vicino alla città di Tenby, il castello è a breve distanza dal parco.