Risveglio

Benvenuti su The Window Seat, il nuovo magazine di Omio. Il nostro primo numero, dal titolo “Risveglio”, contiene storie pratiche e articoli stimolanti, per riportarti in un’atmosfera di viaggio.

test

72 ore ad Amsterdam

In bici! La tua guida di tre giorni per schivare le trappole per turisti e scoprire il meglio della capitale olandese

Con quasi 20 milioni di visitatori l’anno, Amsterdam è una città di cui non ci si può stancare, e a ragione. Nonostante sia una metropoli compatta, la città è carismatica, con qualcosa di nuovo e inaspettato che fa capolino ad ogni angolo di strada. Siamo qui per mettere insieme tutti i punti forti che vale la pena visitare in città in un breve lasso di tempo, assicurandoci di rendere questo viaggio – in era di COVID-19 – il più sicuro e piacevole possibile.

La nostra guida di tre giorni ad Amsterdam ti mostrerà come schivare le trappole per turisti (cosa importante soprattutto in questo momento) e come scoprire il cuore e la vera anima della città. C’è molto più colore e carattere, al di là delle luci rosse o dei selfie sui canali. Siamo qui per dimostrarlo!

Amsterdam

Come muoversi

Il primo passo per sentirti subito un amsterdammer? Noleggia una bici. Se puoi, andare in bicicletta per la città ti farà sentire a casa, oltre a farti risparmiare tempo e denaro. Inoltre, adesso è sicuramente un modo più sicuro rispetto all’uso dei mezzi pubblici.

Amsterdam è una città di canali e di architettura storica, che sicuramente accontenterà chiunque cerchi una via di fuga.

Giorno uno

Inizia con la colazione al Prisma Coffee Bar, situato nel cuore della città. Un tempo mensa universitaria, questo spazio luminoso è stato rinnovato oggi in un caffè alla moda per gli studenti e la gente del posto. Con panini gourmet e abbondanti zuppe, Prisma ti fornirà le giuste energie per affrontare al meglio l’intensa giornata che ti aspetta.

Dopo aver carburato, dirigiti dietro l’angolo di Oudemanhuispoort, un edificio universitario che tutti i giorni ospita un mercato di libri. Passeggia lungo il corridoio del XVIII secolo, tra opere d’arte e pile di tomi antichi. Con romanzi e stampe che costano solo pochi euro, potresti trovare il tuo souvenir ideale fin dal primo giorno.

Raggiungi poi la famosa Piazza Dam, dove troverai il Palazzo Reale, artisti di strada e molti piccioni. L’area è ricca di bar, ristoranti e catene di negozi e può essere attraversata velocemente prima di passare alla prossima tappa. 

Camminando o pedalando, di certo presto avrai fame di nuovo. Dirigiti al vicino Café de Tuin per provare un’autentica esperienza di finger food olandese. Ordina una porzione di bitterballen o kroketten: delizie fritte e croccanti con un’ampia varietà di ripieni.

Prossima fermata: la Casa di Anna Frank. Sebbene sia una delle attrazioni turistiche più popolari di Amsterdam, grazie al sistema che consente di prenotare con anticipo, visitare questo sito storico non sarà così caotico come ti potresti aspettare.

Subito dopo puoi andare in esplorazione del quartiere Jordaan. Con alcune delle strade e dei canali più pittoreschi della città, è costellato di ristoranti e bar chic che incarnano il fenomeno olandese definito “gezelligheid”: quasi tutto può essere “gezellig”, a patto che esprima socievolezza, intimità e senso di accoglienza.

È ora di cena! Dai un’occhiata a Foodhallen, il rimedio perfetto per quelle situazioni in cui ognuno vuole mangiare qualcosa di diverso. Scegli tra una grande varietà di chioschi alimentari e bar glamour specializzati in gin e birre artigianali. Noi adoriamo il FENTO – cibo di strada messicano con un tocco asiatico – così come il Tofu Bowl del vietnamita Vietview.

Dopo cena, fai una passeggiata notturna e dirigiti al bar Waterkant, goditi un cocktail o una birra e ammira le luci al neon che brillano sul canale. Qualunque siano le condizioni meteo, un drink sul ponte è il modo giusto per concludere il tuo primo giorno in questa città.

Secondo giorno 

Svegliati con il caffè di Lot Sixty One. Le sue miscele artigianali e la deliziosa selezione di torte – insieme alla squisita gentilezza dei baristi e dei proprietari australiani – hanno reso il bar un successo anche tra la gente del posto.

Prosegui verso il Museumplein. Qui hanno sede i più importanti musei della capitale: lo Stedelijk, che ospita arte moderna, il Museo Van Gogh, interamente dedicato all’artista olandese, e il Rijksmuseum, con opere di maestri come Rembrandt e Vermeer. 

Dopo aver trascorso alcune ore godendo di tutto ciò che il Museumplein ha da offrire, fermati nell’incantevole De Vier Pilaren. Con interni tradizionali in stile “brown cafe” olandese, De Vier Pilaren è innegabilmente “gezellig”. Assaggia le mini o grandi frittelle, con condimenti sia dolci che salati. 

È ora di fare un passeggiata nel famoso Vondelpark! Questa oasi verde rappresenta una fuga dolcissima dalla città: fai una pausa lungo l’acqua e goditi l’aria fresca.

Quando sei pronto a proseguire, passeggia verso Foam, un museo di fotografia ubicato in una casa sul canale. Troverai diverse mostre di artisti di tutto il mondo e ne uscirai vivificato.

Passeggia ora verso il vicino Magere Brug, un pittoresco ponte levatoio che si illumina di notte, rendendo questo luogo una tappa ideale durante il tramonto.

Per cena, prova LAB111, un cinema-bar con un arredamento elegante e un menu a tema cinematografico. Ordina l’hamburger vegano Big Kahuna con patatine fritte dolci e poi, per dessert, i Children of the Popcorn (popcorn al cioccolato bianco con coulis di lamponi).

Se dopo questa intensa giornata ti restano ancora delle energie, recati al De School, uno dei locali più famosi d’Europa, che dal giovedì alla domenica ospita un eclettico entourage di Dj internazionali.

Giorno tre

Molti dei tesori di Amsterdam sono ubicati sulle placide acque di Amsterdam Noord e sono facilmente accessibili grazie alle frequenti corse dei traghetti, che non ti costeranno un centesimo! Prendi il 906 da Centraal a NDSM. Se puoi, imbarca anche la bicicletta: sarà il modo più semplice per spostarti in questa zona.

Noord è uno dei quartieri più vivaci di Amsterdam, con graffiti colorati che abbelliscono il vecchio cantiere navale NDSM.

Per la prima colazione ti consigliamo Pllek, un ristorante realizzato in un container, davvero contemporaneo e con una vista mozzafiato sulla città oltre l’acqua.

Quando esplori la strana e meravigliosa area di NDSM, ti imbatterai anche in un vecchio cantiere navale trasformato in città d’arte, con enormi spazi in cui gli artisti mostrano i loro progetti. Anche il più grande mercato delle pulci d’Europa, IJ-Hallen, ha luogo presso l’NDSM una volta al mese. Metti alla prova le tue doti di contrattazione!

Dirigiti ora a scoprire il Café de Ceuvel, noto per avere un approccio creativo ai rifiuti, al punto da essere considerato tra le strutture urbane più sostenibili d’Europa. Dalle toilette che trasformano le feci in concime, fino alla serra per l’acquaponica, il Café de Ceuvel è una macchina ecologica ben oliata. Non da ultimo, offrono un menu di prim’ordine con opzioni vegane.

Dopo pranzo, dai un’occhiata all’Eye Film Museum, uno spettacolare esempio di architettura che ospita una collezione di oltre 40.000 film olandesi e stranieri.

Amsterdam

Infine, rendi memorabile la tua ultima cena. Visita l’Hotel De Goudfazant, uno spazio industriale che serve cucina fusion olandese-francese. Con piatti innovativi e aperti alle nuove tendenze, l’Hotel De Goudfazant è il modo migliore per concludere questo ricco viaggio.

Dopo cena, non saltare lo Skatecafe, un locale alla moda dotato di una propria rampa per skateboard al coperto. Nelle ore più tarde il ristorante si trasforma poi in una pista da ballo! Fai un brindisi anche alla nostra e saluta questi meravigliosi tre giorni nella magnifica Amsterdam. Goede nacht!

Stai cercando un alloggio? L’Hotel Jakarta di Amsterdam è un’opzione sostenibile, con un’atmosfera indonesiana e uno staff cordiale ed accomodante. L’albergo rispetta rigorosamente le misure COVID-19 emanate dal governo olandese, tra cui il distanziamento sociale, la predisposizione di camere come postazioni di lavoro e la limitazione dell’accesso alla piscina a un massimo di cinque coppie.