Cultura

Benvenuti all’ultimo numero della rivista The Window Seat. Questo mese scopriamo in che modo la “Cultura” si riflette nella nostra storia, rafforza i nostri legami ed è capace di farci esplorare il mondo.

Lille: un'affascinante città universitaria nel nord della Francia. Credit: Shutterstock

Lille: una guida della città

Lascia stare Parigi. Le vacanze a Lille sono più ecologiche e molto più convenienti

Luoghi affollati come Parigi e Venezia hanno fatto sentire a molti viaggiatori la necessità di fuggire verso destinazioni sottovalutate per godersi una meritata pausa. Vai a Lille. Ad appena un’ora di treno da destinazioni più importanti come Parigi e Londra, la città è un’ottima alternativa per una piacevole fuga. Parigi e Londra, vi guardiamo da lontano. E la cosa più bella è che Lille può tenere testa ad entrambe. 

Già da qualche tempo Lille si sta trasformando e sta sviluppando una personalità incentrata sulla creatività. Nominata Capitale Mondiale del Design 2020, prima città francese a ricevere questo onore, è anche la quarta città più grande della Francia. Con un’architettura neoclassica e gotica, specialità francesi e belghe, e una popolazione diversificata (qualcuno del posto dice che includa quasi 100 nazionalità), possiamo dirlo ufficialmente: al momento Lille è il luogo giusto da visitare.

Lille

Dove mangiare

Per gustare la cucina più deliziosa di Lille, la risposta è Rue du Gand. Alcuni dei migliori ristoranti della città si trovano in questa famosa strada proprio l’uno accanto all’altro e alcuni servono anche gli stessi piatti. Prendi ad esempio Les Ptiots e l’Estaminet Chez la Vieille, entrambi noti per la loro carbonnades flamandes, un piatto a base di carne cotta nella birra ambrata e servita con pan di zenzero e zucchero di barbabietola. La parola estaminet significa “la dimora” e, non a caso, la locanda fiamminga è un ristorante carico di nostalgia e di antico fascino.

La Ducasse è un altro estaminet che vale la pena provare. Oltre all’atmosfera malinconica contraddistinta da arredi in legno scuro e manifesti d’epoca, propone tantissime versioni di potjevleesch, un piatto fiammingo tipico del nord della Francia e del Belgio costituito da diversi tagli di carne marinata, per lo più coniglio e pollo. La carne viene marinata con birra o vino bianco, condita con varie spezie e poi cotta in uno stampo coperto di ceramica, noto come terrine. Dopodiché si aggiunge la gelatina di aceto. 

Per quanto riguarda i bar, i creativi di Lille sembrano prediligere le boites di tendenza, come L’Illustration Café in Rue Royale, pieno di pezzi in stile Art Nouveau e mostre di artisti locali. Di solito frequentato da musicisti, scrittori e pittori che amano conversare davanti a un long drink, è il luogo ideale per leggere un buon libro sorseggiando un caffè durante la giornata per poi tornare a bere una birra e fare una chiacchierata la sera.

Infine, con una sosta a Méert potrai assaggiare la cucina autentica di Lille. La sala da tè è famosa per le sue gaufres (waffel) alla vaniglia del Madagascar, prodotte dal 1677. Con una reputazione quasi leggendaria (molti scrittori e critici gastronomici sono andati pazzi per le sue deliziose specialità), le gaufres sono sottili ma croccanti. La pasticceria produce anche cioccolatini, caramelle e dolci, tutti esposti all’interno di uno storico edificio con soffitti a cassettoni dorati e balconi in ferro battuto presenti sia all’interno che all’esterno. Il negozio è diviso in tre aree separate: una per i waffel e le caramelle, un’altra per le torte e un’altra ancora riservata al ristorante gourmet e alla sala da tè. Il negozio è diventato talmente popolare che i proprietari hanno allargato il mercato oltre i confini cittadini, arrivando fino a Parigi, Londra e Bruxelles.

Cosa fare

Il centro storico di Lille è il cuore dello shopping. I visitatori a caccia di pezzi esclusivi dei designer locali affollano i negozi come Momentum in Rue des Mollettes, un concept shop che espone opere d’arte e incoraggia i clienti a parlare direttamente con il curatore per entrare in contatto e capire meglio l’arte. Prendi un vaso o una scultura in ceramica o anche un mobile se hai modo di portarlo a casa.

Gli amanti dei libri saranno lieti di visitare le bancarelle all’interno della Vieille Bourse, l’ex palazzo della borsa trasformato in un cortile culturale, dove dagli anni ’80 diversi bouquinistes (librai) vendono libri, fumetti e manifesti cinematografici.

Inaugurato nel 1892 come museo ufficiale delle belle arti di Lille, il Palais des Beaux Arts presenta una delle più grandi collezioni d’arte della Francia ed è molto apprezzato per le opere del XV e XX secolo di Manet, Goya e Rembrandt. Esplora gli oltre 70.000 metri quadrati di spazi espositivi con oggetti antichi, sculture e ceramiche.

Per una piacevole pausa dal trambusto cittadino, recati al Jardin Vaubam. Dal 1863 la gente si affolla in questo giardino all’inglese di tre ettari con prati verdeggianti, grotte pittoresche, cascate lussureggianti e una rigogliosa vegetazione. Percorri i suoi sentieri leggermente scoscesi, dove potrai imbatterti in statue dedicate al poeta simbolista Albert Samain e al generale Charles de Gaulle. 

Dove dormire


Clarance Hotel
Maestoso e moderno, il Clarance Hotel presenta un design pulito e minimalista con un’abbondante dose di stravaganza. Sebbene sia un boutique hotel a cinque stelle con un ristorante stellato Michelin, il Clarance è uno degli alberghi più convenienti della città. Situato in un edificio del XVIII secolo, l’hotel dispone di una biblioteca rivestita in legno, un giardino colorato e un orto biologico. La scalinata decorata in stile classico crea il giusto connubio con il lampadario bohemien a corda che fluttua dal soffitto, mentre gli arredi minimalisti si abbinano alla sofisticata carta da parati. Gli ospiti possono noleggiare le biciclette gratuite per scoprire il quartiere e raggiungere Rue Royale per mangiare un boccone.


Hermitage Gantois
L’Hermitage Gantois è stato il primo hotel a cinque stelle di Lille e, sorprendentemente, propone tariffe molto convenienti. Mentre l’esterno è dominato da un ripido tetto fiammingo, all’interno il bar è adornato da un soffitto in vetro e i corridoi sono ravvivati da opera d’arte moderna. Situato in una zona tranquilla di Rue de Paris, a pochi minuti dalla Grand Place e dal Palais des Beaux Arts, l’hotel dispone di spa, ristorante, piscina coperta, sauna e un piccolo museo. Sono presenti anche una cappella e un cortile rigoglioso per tranquilli momenti di riflessione.

Lille

Why Hotel by Best Western
Un’opzione più bizzarra per soggiornare a Lille è offerta dal Why Hotel by Best Western, che si trova ad appena un minuto dall’ufficio turistico e a pochi minuti dalla zona commerciale di Rue Bethune. La reception è composta da un angolo cucina degli anni ’50 e da un vecchio baule che serve da frigorifero per lo champagne. Questo tema bizzarro si ritrova in tutta l’architettura dell’hotel con finestre ovali che ricordano un nido d’ape. Gli ospiti possono scattare le proprie foto istantanee nella cabina presente nella hall o smaltire tutte le ghiottonerie nella palestra aperta 24 ore su 24.