Scoperta

Benvenuti al secondo numero di The Window Seat. Questo mese è dedicato alla “Scoperta”, con approfondimenti su luoghi ed esperienze che riaccenderanno la tua passione per i viaggi.

Manchester, England, is a city built on industry. Credit: Fraser Cottrell/Unsplash

Manchester: una guida della città

Hotel di tendenza, diverse opzioni gastronomiche, musica cool e una vivace vita notturna fanno di Manchester una delle mete più eccitanti del Regno Unito

Potenza della Rivoluzione Industriale, luogo di nascita delle suffragette e dei movimenti vegetariani, nota in tutto il mondo per le sue leggendarie scene musicali e calcistiche (vanta ben due squadre di calcio), Manchester è un connubio di attrazioni storiche, turistiche e culturali all’avanguardia. Durante la tua vacanza, a Manchester vedrai enormi fabbriche dismesse, oggi trasformate in bar pullulanti e hotel chic, fiancheggiati da edifici moderni che stanno cambiando il volto della città.

La grande diversità è ciò che rende la città un luogo emozionante da visitare tutto l’anno. Nella sorprendente compattezza del centro cittadino troverai tantissime cose da fare, passando da un caffè alla moda a una boutique indipendente, da un negozio alternativo di dischi a un bar accogliente. Ammira l’arte nelle gallerie e sui muri della città; lasciati stupire dagli imponenti edifici neogotici, come la John Ryland’s Library, e scopri la fiorente scena gastronomica con un’offerta pressoché illimitata che va dal cibo indiano di strada alle tapas, fino ai piatti britannici contemporanei. E non dimenticare di immergerti nella vita notturna. Dopotutto, secondo il presentatore radiofonico Mark Radcliffe, Manchester “è una città che pensa che un tavolo sia fatto per ballarci sopra”.

Manchester

Dove mangiare


Il Mackie Mayor di Manchester è un mercato coperto con decine e decine di negozi e ristoranti. Credit: Mackie Mayor.

Al momento Manchester ha una scena gastronomica fiorente: nel 2019, in oltre 40 anni, la città ha ricevuto la prima stella Michelin per il Mana di Ancoats. Il ristorante, diretto dallo chef stellato Simon Martin (ex Noma), vanta menù degustazione con 16 portate che ti costeranno ben 100 sterline (senza vino). Anche se non puoi permetterti una proposta così raffinata, Ancoats è un ottimo posto dove andare per gustare piatti fantasiosi nei locali innovativi. Tra le opzioni di spicco ci sono il Sugo Pasta Kitchen, dove la pasta pugliese affoga in un mare di sugo, il Rudy’s con alcune delle migliori pizze di Manchester (la margherita con la mozzarella di bufala è un capolavoro) e l’Hip Hop Chip Shop di Blossom Street, dove le proposte vegane, come le bistecche di “pesce” di soia e alghe marine con pisellini, condividono il menù con il pesce in pastella e le torte.

In altre zone troverai molte alternative per un’eccellente sosta gastronomica: dagli eleganti cocktail bar e ristoranti, come The Alchemist nel centro affari Spinningfields, ai locali più cool come Hatch, un mercato coperto lungo la Oxford Road, che offre 15 proposte diverse per bere e mangiare, tra cui il particolare bar scandinavo Takk.

L’ampia e variegata food hall Mackie Mayor, ai margini del Northern Quarter, è una scelta fantastica per il pranzo, dato che le bancarelle indipendenti servono di tutto (dai tacos alle bistecche) sui lunghi tavoli di legno in comune, perfetti per fare quattro chiacchiere con gli sconosciuti. Bundobust, vicino ai Piccadilly Gardens, offre una combinazione vincente di autentico street food indiano speziato (tutto vegetariano) con birra artigianale e cocktail serviti in un’atmosfera conviviale. 

Cosa fare

Il popolare Northern Quarter di Manchester è un’ottima zona per conoscere un pezzo di città con molte cose da vedere e da fare. Inizia da Stevenson Square per ammirare l’arte di strada creata grazie al progetto Out House Project, una mostra pubblica che vede gli edifici della piazza ridipinti ogni tre mesi dai membri della comunità dell’arte di strada. Appena fuori Stevenson Square, su Little Lever Street, troverai un enorme murales (proprio dietro il Cow Hollow Hotel e il Greater Manchester Police Museum), chiamato “Serenity”. Creato dagli stencil artist SNIK, raffigura una donna in abito rosso che si dice sia un omaggio a tutte le donne che si battono contro le ingiustizie. La sua ambientazione è stata scelta perché le suffragette si riunivano spesso in zona. Altri posti per vedere l’arte di strada sono Spear Street e Tariff Street.

Manchester è una città fondata sulla musica, quindi è giusto che i negozi indipendenti di vinili propongano molti dischi classici di artisti locali, come The Smiths, The Stone Roses, gli Oasis, The Verve e i sottovalutati The Railway Children. Sia la Piccadilly Records che il Vinyl Exchange di Oldham Street si rivolgono agli appassionati di musica che sanno riconoscere la differenza tra lo sperimentalismo post-punk e le stravaganze New Romantic. 

Dopo una giornata a rovistare tra file di dischi polverosi, è il momento di bere. Il Northern Quarter è pieno di posti ideali: da Allotment puoi provare se il gin è la tua bevanda preferita; alla Port Street Beerhouse puoi gustare varie birre artigianali, mentre da BAB troverai alcuni dei kebab più buoni della città. Al Manchester Craft and Design Centre puoi anche comprare qualche opera d’arte locale tra gioielli, ceramiche e molti altri oggetti preziosi oppure puoi dirigerti verso il classico emporio dello shopping, l’Afflecks Palace, per un assaggio della Manchester più alternativa.

Quando fa buio, ci sono moltissimi bar dove divertirsi, dentro e intorno al Northern Quarter. Prova a vedere se nel seminterrato di Soup Kitchen c’è qualche concerto oppure vai da Science and Industry per gustare qualche cocktail fantasioso: è nascosto dietro una porta segreta del bar Cane & Grain, quindi potresti dover chiedere a qualcuno del posto per trovarlo.

Dove dormire

The Cow Hollow Hotel

Il Cow Hollow Hotel nel Northern Quarter è la scelta azzeccata ed è anche dotato di un bar molto elegante. Situato in una vecchia fabbrica di tessuti, aspettati una marea di mattoni a vista e travi originali completate da finiture raffinate, come i soffioni delle docce in bronzo. In cambio del prezzo pagato riceverai  molti deliziosi servizi extra: prosecco e stuzzichini gratuiti tra le 18 e le 20, latte e biscotti prima di andare a letto e colazione al sacco consegnata in camera. Le stanze sono strette ma esclusive e includono Netflix gratuito e kit per l’acconciatura dei capelli.

Manchester

Native Manchester

Il Native Manchester sorge a un paio di minuti a piedi dalla stazione ferroviaria Piccadilly ed è il nuovo arrivato nella scena cittadina. I 166 appartamenti alla moda condividono un vecchio deposito di cotone tutelato dai beni culturali, in cui sorge il Cultureplex, uno spazio sociale con bar, ristorante, mini cinema, caffetteria e palestra indipendente. Perfetto per rilassarsi, è uno spazio enorme con un soffitto in vetro su cui si affacciano gli appartamenti, soffitti a volte in mattoni e alte colonne in ghisa.