Sostenibilità

È uscito l’ultimo numero della rivista The Window Seat: benvenuti! Questo mese ci concentriamo sulla sostenibilità, sulle destinazioni e sui modi in cui è possibile viaggiare tenendo maggiormente in considerazione il benessere del pianeta.

In tempi di Coronavirus, la lotta al cambiamento climatico è più rilevante che mai. Credit: EyeEm

Sulle orme di Greta

A un anno dallo scoppio della pandemia, ci siamo rivolti a cinque giovani attivisti per parlare del futuro del nostro pianeta

Lo scoppio della pandemia di COVID-19 ci ha fatto rivalutare le nostre vite sotto molti aspetti. Le cose che prima ci preoccupavano non sembrano più così importanti. La pandemia ha anche puntato i riflettori su ciò che stiamo facendo al nostro pianeta e ha rafforzato la necessità di porre rimedio ai principali danni perpetrati.

Giovani attivisti di tutto il mondo si sono uniti all’adolescente svedese Greta Thunberg, volto non ufficiale del movimento ambientalista, e hanno dato voce alle loro richieste per un futuro migliore. Abbiamo parlato con alcuni di loro per ricevere consigli su come viaggiare in modo più sostenibile, una volta che sarà possibile farlo di nuovo.

I giovani di tutto il mondo hanno chiesto in piazza di agire tempestivamente e continueranno ora a farlo online. Credit: EyeEm

Tolmeia Gregory, Cheltenham, Regno Unito

Tolmeia Gregory ha 20 anni ed è una blogger nel campo della moda sostenibile. 

Consigli per un viaggio sostenibile?: “Dobbiamo sovvenzionare il trasporto pubblico e garantire che le opzioni meno sostenibili siano tassate. Come individui, penso invece che possa aiutare limitare i voli ai soli viaggi necessari (come visitare la famiglia) e fare del nostro meglio per utilizzare il più possibile altri mezzi di trasporto. Inoltre, è importante cercare di stabilire una comunicazione con i rappresentanti locali, in modo che sappiano ciò che si vuole e che si concentrino su questi problemi. Richiedere azioni tangibili per il clima, in ogni modo possibile!”.

Come rimani attiva nella tua vita quotidiana? “Lavoro con il mio gruppo Extinction Rebellion [una coalizione ambientalista non violenta focalizzata sulla disobbedienza civile]. Trascorro molto tempo lavorando su progetti a livello locale, organizzando azioni imminenti e pensando a nuove idee utili ad apportare un cambiamento. Inoltre, date le circostanze della pandemia, ho anche ripensato ai modi per agire sul clima e per fare attivismo in prima persona, e sono arrivata a considerare il mio lavoro di artista come fondamentale”.

Monika Poppy, Londra, Regno Unito

Monika Poppy è un’influencer e un’editrice. Ha un background accademico nello sviluppo sostenibile e nel settore petrolifero e del gas.

Consigli per un viaggio sostenibile?: “Penso che innovazione e tecnologia […] siano la strada da percorrere. Spingere il proprio governo e i comuni a sviluppare e a investire in tecnologie atte a ridurre le emissioni e a generare energia più pulita. Questo è fondamentalmente ciò che ci salverà, perché penso che il consiglio di “camminare di più” non sia un’opzione concreta per le molte persone che viaggiano per lavoro. Si può partecipare attivamente anche votando o firmando petizioni. Si può anche aiutare potenziando la tecnologia verde e i fondi etici”.

Come rimani attiva nella tua vita quotidiana? “Cerco di uscire per godermi di più la natura o di documentarmi sulla sostenibilità […]. Penso che sia importante riconnettersi con la natura per ricordare ciò che stiamo cercando di preservare. Questo può essere particolarmente difficile quando si vive nelle città metropolitane. [Da quando è scoppiata la pandemia,] ho continuato a istruire i miei follower su prodotti e servizi che ritenevo di alta qualità ma sostenibili”.

David Wicker, Torino, Italia

David è un attivista di 15 anni della Val di Susa. Per più di due anni, ha scioperato ogni venerdì per sollecitare politiche differenti sul tema del clima e dell’ambiente .

Consigli per un viaggio sostenibile?: “La cosa principale per rendere il viaggio più sostenibile è assicurarsi di non prendere aerei ma scegliere invece mezzi di trasporto più ecologici”.

Come rimani attivo nella tua vita quotidiana? “[Io e i miei compagni di classe] scioperavamo settimanalmente [e] quasi ogni sciopero è diverso, poiché cerchiamo di concentrarci su molti aspetti dell’emergenza climatica. A Torino siamo anche riusciti a far dichiarare al Comune l’emergenza climatica.

A causa dei ripetuti lockdown, non sono riuscito a rimanere attivo, [perché] vivo abbastanza lontano da qualsiasi grande città, quindi è stato abbastanza difficile tenere il passo. [Tuttavia,] ho continuato a prendere iniziative [online] e ora stiamo pensando a cosa fare per il prossimo vertice internazionale del FFF”.

Holly Gillibrand, Fort William, Scozia

Holly è un’editorialista di 15 anni e l’ambasciatrice del Rewilding in Scozia, un gruppo dedicato alla protezione della flora e della fauna autoctone.

Consigli per un viaggio sostenibile?: “[Quando i viaggi torneranno alla normalità], limitarli il più possibile e, se proprio si deve, prendere il treno o il pullman. E poi camminare o andare in bicicletta, queste sono le opzioni più ecologiche. Lasciare l’auto a casa e non salire su aerei o navi da crociera, che rappresentano invece dei veri disastri ambientali”.

Come rimani attiva nella tua vita quotidiana? “[Noi] dovremmo essere tutti più consapevoli riguardo alle decisioni personali che prendiamo, come il cibo che mangiamo, le cose che compriamo e i viaggi che abbiamo in mente. Con le nostre scelte nei consumi, possiamo avere molto potere e impatto; dobbiamo riconoscerlo e metterlo in pratica in qualsiasi modo. Usa i tuoi punti di forza. Ad esempio, a me piace molto scrivere, quindi utilizzo questo mezzo per diffondere consapevolezza e spirito d’azione, attraverso rubriche, editoriali e articoli”.

Livia Van Heerde, Vienna, Austria, e Londra, Regno Unito

Livia ha una laurea in Scienze Ambientali e sta attualmente studiando MSc Climate Change presso l’University College di Londra. Vive tra Austria e Regno Unito.

Suggerimenti per un viaggio sostenibile?: “Consiglierei di […] rimanere più a lungo nei posti che si visitano quando si viaggia, in modo da sfruttare al massimo il viaggio, anche per evitare di tornarci dopo poco tempo perché non si è ancora visto tutto. È poi un bene ridurre il consumo di prodotti animali e di prodotti confezionati come bottiglie d’acqua durante il viaggio. Puoi anche compensare le tue emissioni di carbonio. Ci sono molti siti web online dove farlo. Assicurati di fare una piccola ricerca in anticipo per trovare il miglior [sito web per aiutarti in questo scopo]”.

Come rimani attiva nella tua vita quotidiana? “[Dopo l’epidemia di COVID-19, abbiamo trasferito] i Fridays for Future nelle nostre case e le persone sono state incoraggiate a fare dell’attivismo online. Ho preso parte a conferenze online sulla sostenibilità e ho continuato a condividere notizie relative al cambiamento climatico sui social media.

Ho utilizzato il tempo per lavorare su nuovi progetti e migliorare quelli in corso. Ho collaborato con il team di gestione eventi Friday Nights [una serie di eventi artistici e musicali di beneficenza in collaborazione con l’UNICEF] per raggiungere il loro obiettivo rendere gli eventi sostenibili.

Un nuovo progetto che mi sta molto a cuore… è un’esperienza di vita notturna con sede a Vienna e Londra chiamata Climate Nights, che mira ad agire sul cambiamento climatico raccogliendo fondi per cause ambientali”.